Punta Ala 2016 – di Pasolini-Casamenti

27-443Si è appena conclusa la seconda regata nazionale a Punta Ala, un numero discreto di barche, 25 , tra queste il grande rientro della coppia lacustre Gozzoli-Raccuia!!!, ospiti d’eccezione l’equipaggio tunisino che andrà a Rio, allenati dal principe Vincenzo Sorrentino!!!

Punta Ala è sempre fantastica, ci ha regalato tre giorni di regata con condizione buone che ci hanno permesso di disputare tutte e 9 le prove in programma senza alcun problema.
Il campo di regata del primo giorno era complicato da interpretare, con salti di vento e buchi d’aria nei quali però gli spumeggianti Elia e Jacopo si sono trovati a loro agio, seguiti dagli inossidabili Radman-Cioni che non mollano un colpo. Noi invece non abbiamo capito niente tutto il giorno e chiudiamo la giornata con un bel 30 punti in tre prove.

Il secondo giorno di regata è caratterizzato da un bel vento sui 10-12 nodi che rende le tre prove più dinamiche. Grazie al cinghiale e al vino della sera prima ritorniamo in fase con un 4-3-3, belle regate, combattute con Radman, Elia e i gemelli Viganò che purtroppo però rompono la mura del gennaker all’ ultima regata di giornata e costretti al DNF. Alla fine della seconda giornata passiamo dalla nona alla quarta posizione, con la prospettiva di poter arrivare terzi scavalcando l’ equipaggio “svizzero” Cartolari-Canepa.

Il terzo e ultimo giorno di regate è caratterizzato da sole e termico non troppo forte di 8-9 nodi, con bordo obbligato verso terra.Un avvio di giornata strano con gli equipaggi davanti che si alternano spesso, ma la testa della classifica rimane salda con Elia e Jacopo che si impongono con due primi posti. I gemelli Viganò sono protagonisti di un ottima giornata che li vede recuperare dalla quinta alla terza posizione con sorpassandoci in classifica di 3 punti.

Punta Ala si conferma una bella location per regatare, ma quello che vorrei rimarcare è che l’ accoglienza a terra ha lasciato molto a desiderare.

All’iscrizione non è stato nessun gadget, neanche una maglietta e su tre giorni di regata non è stata organizzata una cena, se la sono cavata con tre birre piccole.

La tassa di iscrizione è vero che non era alta, ma non dimentichiamo che l’introito di 50 persone che hanno dormito nel camping per svariati giorni gli ha portato un discreto guadagno, quindi mi sarei aspettato come penso tutti uno sforzo maggiore.
Per chi è rimasto ci si vede di nuovo a Punta Ala il 18-19 giugno per due giorni di regata su boe.

Pasolini-Casamenti ITA-10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.